post

Comprare argento: un nuovo trend alla portata di tutti

Tra mercati instabili e forti oscillazioni comprare argento sembra essere la scelta più sicura.

Non c’è bisogno di essere degli esperti di economia per avere una visione generale piuttosto chiara della forte crisi economica in atto; in questo clima le possibilità di investimento sicuro sono poche, e quella che un tempo era una scelta oggi è più una necessità: provare a crearsi una modalità di risparmio e di rendita nel tempo.
In questo panorama si affaccia un nuovo trend, quello dell’acquisto di argento.

Forse non tutti sanno che:

  • l’argento è molto più raro dell’oro tanto che la sua produzione è in deficit da quasi 15 anni, i produttori non sono in grado di assecondare la richiesta.
  • Per secoli l’argento metallico è stato usato come moneta per la sua durata e anche se le banconote hanno preso il suo posto è altamente probabile un ritorno in breve tempo.
  • Subito dopo il petrolio è l’argento la materia prima più utilizzata dall’industria: pensiamo ai telefoni, macchine fotografiche, computer, smartphone, tablet, pc.
    Grazie alle sue proprietà uniche di duttilità e forza, la sua conduttività elettronica e termica, per la fotosensibilità e per la sua resistenza alla alte temperature, l’argento trova enorme impiego nell’industria mondiale. Grazie alle sue proprietà antibatteriche l’argento viene largamente usato nell’industria cosmetica per la produzione di prodotti di bellezza.

Alla luce di quanto detto e di numerosi analisi finanziarie, comprare argento può essere la scelta odierna più giusta e pensata per assicurarsi il possesso di un bene con grosse potenzialità di rendimento nell’avvenire più prossimo. Per la la legge dell’offerta e della domanda, il corso dell’argento è destinato ad evolvere in maniera graduale e costante , diventando la forma più redditizia di investimento sopra l’oro, i prodotti finanziari o il settore degli immobili.

Affidarsi al banco metalli first per comprare argento

Comprare argento fisico e non in titoli

Possedere un certificato di possesso non è la stessa cosa che possedere fisicamente dell’argento; sono numerosi i certificati venduti ma non esiste in realtà abbastanza argento da rispondere ad una eventuale richiesta di riscatto fisico per cui questo tipo di investimento è destinato a vita breve.

Ben diverso è investire nell’argento fisico, che rispetto ad altri metalli preziosi è decisamente più accessibile e alla portata.
Il fatto che quello dell’argento sia un mercato decisamente più ristretto di quello dell’oro fa si che sia anche più stabile e meno soggetto ad oscillazioni continue.
Se non siete tra i fortunati che si sono scoperti in possesso di antiche e rare monete d’argento (e visto che sono state prodotte per migliaia di anni la cosa potrebbe non essere così difficile), o abbiate in casa numerosi oggetti di valore, comprare argento sarà comunque cosa abbastanza semplice e sicura che voi scegliate di acquistarlo in monete o in lingotti.

Acquistare argento è semplice ma bisogna farlo in sicurezza

Affidarsi ad operatori professionali iscritti all’albo della Banca d’Italia e quindi autorizzati ad esercitare il commercio di metalli preziosi, è la prima cosa da fare. I lingotti d’argento e le monete dovranno avere un perfetto stato di conservazione ed essere prodotti da raffinerie accreditate. Ciò li renderà negoziabili in tutto il mondo.

Per legge ogni lingotto deve riportare il titolo in millesimi del contenuto di metallo prezioso (999 per l’argento puro) e il marchio del fabbricante.

Alcuni banco metalli offrono la possibilità di comprare argento ed effettuare il vostro investimento comodamente da casa, un trasporto valori accreditato consegnerà presso la vostra abitazione il vostro acquisto in pochi giorni.

post

“SEO” e analisi delle parole chiave

Analisi delle parole chiave: il primo passo di una campagna web marketing SEO

1. L’analisi delle parole chiave.

L’analisi delle parole chiave è la fase preliminare più importante, per chi vuole portare il proprio sito internet ad avere alti flussi di traffico in entrata e beneficiare dei conseguenti guadagni.
Prima di intraprendere una campagna di web marketing e ottimizzare il proprio sito seguendo le regole SEO, bisogna individuare quali sono le parole chiave a cui riservare risorse e maggior attenzione.

L’analisi delle parole chiave può essere effettuata mediante strumenti sia gratuiti che a pagamento. Essenzialmente, lo scopo di tale operazione è quello di avere una panoramica precisa su quali sono le parole chiave più ricercate dagli utenti, per accedere ai siti internet di un determinato settore. Ad esempio, gli analisti di un portale di un’azienda impegnata nella vendita online di prodotti alimentari, proveranno a capire con quali keyword settoriali gli utenti arrivano a siti simili. Inoltre, è importante sapere quanti sono i competitor già posizionati, con parole chiave sulle quali si vuole intraprendere un’azione di marketing.

2. Valore di una keyword e livelli di concorrenza.

Attività seo offsiteLa prima cosa da chiedersi nell’analisi di ciascuna parola chiave è quanto quest’ultima sia rilevante, nel contesto del proprio sito. Stabilito un paniere di keyword effettivamente utili e rappresentative degli argomenti trattati dalle proprie pagine web, queste si danno in pasto ai tool per l’analisi delle parole chiave.
Attraverso questi software, si arriva a sapere quanti utenti digitano una parola chiave in Google e altri motori di ricerca. Inoltre, è possibile conoscere le aree di provenienza degli utenti e altre informazioni utili a stabilire il target del potenziale traffico generato dalla keyword.

Particolarmente interessante è anche il valore che riassume il livello di concorrenza presente su ciascuna keyword. Le parole chiave che, una volta cercate in Google, danno migliaia o milioni di risultati, hanno un livello di concorrenza alto e, di conseguenza, intraprendere una campagna SEO su di esse è più difficile e, spesso, potrebbe non dare risultati accettabili nel breve o medio periodo.
A tal proposito, alcuni blogger sfruttano l’analisi delle parole chiave, per trovare keyword cosiddette ‘di nicchia’, che abbiano buone stime di traffico generato e, contemporaneamente, bassi livelli di concorrenza. Tali keyword, quando trovate, sono un’autentica pepita d’oro per ciascun addetto alle campagne di web marketing.

3. Tool SEO per analisi delle parole chiave.

Google AdWords Keyword Tool 
(https://adwords.google.com/o/KeywordTool)

Lo strumento gratuito per l’analisi delle parole chiave, offerto dal più importante dei motori di ricerca, è perfetto per conoscere il traffico mensile generato da una determinata keyword.
Il tool di AdWords fornisce anche una stima della concorrenza su una parola chiave e una lista di suggerimenti di keyword correlate.

Keyword Spy
(http://www.keywordspy.com/)

Strumento professionale a pagamento per l’analisi delle parole chiave, Keyword Spy fornisce un paniere di variabili utili agli analisti. Attraverso esse, si possono conoscere sia il traffico generato da una parola chiave e il livello di concorrenza, sia il budget investito dai competitor nelle campagne di web marketing pay per click, intraprese da questi ultimi.

Fonte: Agenzia Seo Pro Web Consulting

post

Acquistare appartamenti a Como moderni e innovativi

La struttura urbana di Como

Una città tra antico e moderno

Il primo impatto con Como è, senza dubbio, straniante. Ci si trova davanti una città con un cuore antico, che ha saputo conservare, praticamente intatta, la sua struttura medioevale, dove però non è raro trovare immobili dalla spiccata natura razionalista, essendo stata, Como, una delle città in cui questa corrente ha trovato terreno fertile per svilupparsi.

La zona storica della città si trova all’interno di una cinta murata, di cui sono arrivate immutate fino a noi ampie porzioni: è all’interno di questa zona che si svolge la maggior parte della vita sociale comasca, tra locali e negozi. E’ qui che i cittadini e i turisti trascorrono la maggior parte del loro tempo quando vogliono trovare un po’ di vita e di relax. Non mancano le chiese e le ampie piazze medioevali, come quella del Duomo, che si trova a pochissimi passi dal Lago di Como. Costeggiando il lungolago, inoltre, è possibile ammirare interessanti esempi di architettura liberty nelle splendide ville di lusso costruite ai margini.
Tuttavia, l’architettura urbana, seppure caratterizzata in larga parte da una forte impronta storica, può vantare anche alcuni esempi di abitazioni moderne e innovative, realizzate seguendo standard architettonici particolari che, il più delle volte, sono orientati verso una struttura eco sostenibile e compatibile.

Chi ha visitato almeno una volta la zona lariana, che comprende la città di Como e tutti i comuni della provincia che si affacciano direttamente su ramo comasco del Lago Lario, ha sicuramente notato un ambiente rigoglioso e pressoché selvaggio, soprattutto sulla costa orientale, dove in generale la mano dell’uomo non ha creato particolari disordini a un equilibrio naturale antico. Fanno bella mostra di sé le ville antiche, indubbiamente spiccano tra la vegetazione, gli appartamenti a Como moderni sono stati realizzati in modo tale da essere quanto più possibile in sintonia con l’ecosistema.

Appartamenti a Como moderni e sostenibili

Soluzioni architettoniche per preservare la natura

Ponendo l’accento sul fatto che, quando si decide di costruire, inevitabilmente si deve modificare l’assetto naturale della zona, esistono soluzioni che limitano notevolmente l’impatto. Gli appartamenti a Como dal design innovativo esistono, e non sono stati realizzati solo in città, ma anche a Laglio e Bellagio. I comuni che si affacciano sulle sponde laterali del ramo comasco del Lago Lario, infatti, si stanno sviluppando per accogliere le sempre più numerose richieste da parte dei turisti che vogliono acquistare un appartamento a Como.

I materiali che stanno trovando maggiore impiego nell’industria edilizia comasca, per la realizzazione di appartamenti moderni e di lusso, sono quelli maggiormente sostenibili, di derivazione naturale. Vetro, legno e acciaio vengono sfruttati in quantità sempre maggiori: il design innovativo di queste case prevede che le pareti perimetrali vengano quasi totalmente eliminate per far spazio a grandi vetrate a tutta altezza. Questa soluzione prevede di alleggerire la struttura ma anche di creare una sorta di continuità con la natura circostante, giocando sulle trasparenze, e consentendo di godere della straordinaria vista sul lago.

Case dalle linee semplici e sobrie, circondate dalla fitta vegetazione che diventa parte integrante del progetto, per soluzioni innovative ed esclusive.

post

Ginecologia a Lecco ed esami prenatali

La salute del nascituro è da sempre il primo pensiero di ogni futuro genitore e nel tempo, grazie ai numerosi traguardi raggiunti nelle tecniche diagnostiche, è diventato possibile eseguire esami specifici che possono aiutare i futuri genitori a diagnosticare, prevenire patologie e in alcuni casi anche ad intervenire chirurgicamente già durante la gestazione.
Vediamo i principali esami eseguibili in ginecologia a Lecco.

Diagnosi prenatale con villocentesi in ginecologia a Lecco

La villocentesi è un esame eseguibile dall’undicesima settimana di gravidanza fino alla tredicesima, cioè tra la fine del terzo mese e l’inizio del quarto. La prima cosa da fare è il prelievo di villi coriali dalla placenta, due sono le tecniche utilizzabili: la prima è la trans-addominale cioè inserendo un ago dall’addome, la seconda è la transcervicale, in questo caso il prelievo viene eseguito attraverso la cervice uterina. Il materiale viene posto in coltura e in seguito ne viene esaminato l’assetto cromosomico e genetico.

specialisti in Ginecologia a LeccoDal punto di vista pratico la villocentesi permette di rilevare la presenza di diverse patologie come la talassemia, l’emofilia, la fibrosi cistica, sindrome Down (trisomia 21), trisomia 18. Con questo esame è possibile anche stabilire la paternità del feto. Rispetto all’amniocentesi ha il vantaggio di poter essere eseguita in un periodo gestazionale antecedente, inoltre, il rischio di aborto in seguito a questa procedura è ridotto, anche se non trascurabile, e corrisponde all’1%.
E’ un esame consigliato nel caso in cui vi siano sospetti dovuti a presenza di queste patologie in famiglia, quando la donna abbia superato i 35 anni di età, o in seguito ad analisi del sangue da cui sono emersi risultati che possono far propendere per la presenza di patologie.

La translucenza nucale

La translucenza nucale è un esame di fondamentale importanza perché permette di diagnosticare la sindrome Down, altre cromosomopatie, sindromi e cardiopatie. L’esame può essere eseguito fin dall’undicesima settimana di gravidanza. Lo scopo è valutare lo spessore della translucenza nucale presente all’altezza del collo del feto e quindi dedurre anomalie. Per ottenere una giusta valutazione è necessario che il feto sia in posizione neutra con colonna vertebrale e testa allineate. E’ opportuno eseguire un ingrandimento dell’immagine ecografica in modo da avere una corretta valutazione. Si tratta di un esame preliminare che, in caso dovesse dare riscontri positivi, può aprire la strada ad altri esami più specifici volti ad esaminare la composizione cromosomica. Si ritiene che il valore “allarmante” sia di 2,5 mm di spessore, ciò considerando che solitamente il valore “normale” oscilla tra 1,1 ed 1,4 mm. Uno dei vantaggi della translucenza nucale è che si tratta di una procedura non invasiva, eseguita come una normale ecografia addominale.

Duo test: esame pratico e veloce per malattie cromosomiche

Il Duo test è un esame molto semplice, soprattutto non invasivo e senza alcun rischio per la salute dell’embrione. Esso viene eseguito attraverso un semplice prelievo di sangue alla madre. Le analisi di laboratorio eseguite sul sangue tendono a rilevare il dosaggio di due sostanze contenute nella placenta: β-HCG e la PAPP-A. Questi due valori da misurare durante il primo trimestre possono dare indicazioni sulla presenza di patologie cromosomiche.

post

LG G Pad, serie di tablet performanti e versatili

L’azienda coreana LG è da anni impegnata nella progettazione di tablet dalle caratteristiche sempre più tecnologiche. L’ultima serie immessa sul mercato, la G Pad, permette di scegliere tra vari modelli, appartenenti a diverse fasce di mercato.

G Pad V700: l’ultima creazione di LG

Il modello di punmigliore tablet LGta dei tablet LG è il G Pad V700, dotato di un ampio schermo touchscreen da 10,1 pollici con una risoluzione da 1280×800 pixel, in grado di offrire colori brillanti e realistici. Il processore scelto per il V700 è un quad core Qualcomm Snapdragon da 1,2 Ghz. Caratteristica fondamentale di questo tablet, è la generosa batteria agli ioni di litio da ben 8000 mAh, la quale garantisce una lunga durata anche durante un utilizzo massiccio e uno standby di oltre 200 ore. La RAM è di un GB, mentre la memoria interna, espandibile grazie allo slot per le memoria micro-SD, è di 16 GB, di cui 11 sono a disposizione dell’utente per l’archiviazione di dati e per l’installazione di applicazioni.

Le dimensioni dell’LG G V700 sono abbastanza contenute, visto l’ampio display. 260,9 millimetri di larghezza, 165,9 millimetri di altezza e 8,9 millimetri di spessore, con un peso poco superiore ai 500 grammi, caratteristiche che fanno del tablet di punta della LG un dispositivo decisamente maneggevole e portatile. Il sistema operativo del V700 è l’Android Kitkat 4.4, ultimo OS sviluppato da Google e quindi compatibile con un elevato numero di app e capace di sfruttare pienamente l’hardware del tablet. Il V700 è dotato di due fotocamere. Quella frontale ha un sensore da 1.3 megapixel ed è perfetta per essere utilizzata come webcam per effettuare videochiamate con skype, mentre la posteriore è da 5 Megapixel e consente di scattare foto brillanti e di registrare video in alta definizione. La connettività è garantita attraverso gli standard Wi-Fi, USB e Bluetooth. Il potente processore, la doppia fotocamera, il display ampio e luminoso, fanno del V700 un ottimo tablet, adatto per riprodurre filmati, per giocare ai più moderni videogiochi e per leggere libri in formato digitale.

LG G Pad V500: versatile e potente

Più potente del modello precedentemente illustrato è il tablet V500, dotato però di un display più piccolo, pari a 8,3 pollici e con una risoluzione di 1929×1200 pixel. Il processore scelto per questo dispositivo è un quad core Qualcomm Snapdragon da 1,7 Ghz, estremamente performante. Il tablet dispone di 2 GB di Ram e di una memoria interna da 16 GB, espandibile con memoria esterna fino a 32 GB. La batteria, dalla capacità di 4600 mAh, garantisce una lunga durata e uno standby di circa 300 ore. LG V500 è compatibile con gli standard Wi-Fi, bluetooth, GPS e USB ed è dotato di un’uscita TV Slimport in grado di connettere il tablet a qualsiasi televisore di ultima generazione. La doppia fotocamera, frontale da 1.3 Mexapixel e posteriore da 5 Megapixel si presta adatta ad ogni uso, sia per scattare foto che per registrare video in Full Hd. Il V500, che dispone del sistema operativo Android Kitkat 4.4, è un tablet studiato appositamente per gli utenti che necessitano di prestazioni elevate e di una lunga durata della batteria.

LG G Pad V400: dimensioni compatte e prestazioni brillanti

Gli utenti che amano i tablet di dimensioni ridotte, apprezzeranno certamente il V400. Dotato di un display brillante e luminoso, monta un processore quad core da 1.2 Ghz e un GB di Ram. La memoria interna è da 8 GB, espandibile fino a 32 GB con memory card. Il V400 è dotato di modulo Wi-Fi, dello standard bluetooth, del GPS, di una porta USB e di una doppia fotocamera, da 3 e da 1,3 Megapixel. Il V400 è senza dubbio un ottimo tablet, ottimo per navigare su internet e per videogiocare.